DOMENICA CLASSICA 18-19 - 10 FEBBRAIO 2019, ORE 11 DOMENICA CLASSICA, "MOZART E BEETHOVEN IN TRIO" - SALA UMBERTO (RM) - 10 FEBBRAIO 2019, MUSICHE DI M. BRUCH, W.A. MOZART, L. VAN BEETHOVEN

DOMENICA CLASSICA 2018-2019 

DIRETTORE ARTISTICO LORENZO PORTA DEL LUNGO 

 S A L A UMBERTO

VIA DELLA MERCEDE, 50 

10 FEBBRAIO 2019, ORE 11

  

“MOZART E BEETHOVEN IN TRIO”

 

 

LETTURE E MUSICHE:

 

INCONTRO CON I MUSICISTI BIBLIOTECA VILLA LEOPARDI

8 FEBBRAIO 2019 ORE 19.00 

CLICCA QUI PER INFO


Brani tratti da "Autobiografia di un genio : lettere, pensieri, diari" di Ludwig van Beethoven e "Lettere" di W. A. Mozart. Musiche di Bruch, Mozart, Beethoven eseguite da Enrico Maria Polimanti (pianoforte) e Ermanno Veglianti (clarinetto).

 

Letture di

Lorenzo Porta del Lungo



musiche di 

M. Bruch, W.A. Mozart, L. Van Beethoven

 

 

Siamo su Spazi.blogspot

Biblioteche di Roma

Comunicato stampa

Rassegna Stampa

 

Clicca ai link seguenti per ascoltare alcune esecuzioni dei musicisti:

 

Enrico Maria Polimanti, pianista


http://bit.ly/2t9Lw5z

http://bit.ly/2MTrC8e

 

Ermanno Veglianti, clarinetto


http://bit.ly/2Tvw9Ac

http://bit.ly/2t78c6q

 

Anna Armatys, violoncello


http://bit.ly/2DY9049


 

Il 10 febbraio 2019, ore 11, è la volta di “Mozart e Beethoven in trio”. Il Trio in mi bemolle maggiore per pianoforte, clarinetto e viola KV. 498, fu incluso da Mozart nel suo catalogo personale il 5 agosto 1786. Secondo un aneddoto non verificabile, il brano sarebbe stato composto da Mozart nel corso di una partita a birilli. È da qui che nasce appunto il suo soprannome di "Trio dei birilli" ("Kegelstatt-Trio").  Insieme al Trio di Beethoven, qui nella versione con clarinetto anziché violino, entrambi “viennesi“, sono stati scritti da ciascuno dei grandi compositori intorno all’età di trent’anni. In questo concerto, si accompagnano a brani dell’opera matura di Max Bruch, importante artista tedesco vicino alla sensibilità di Schumann, brani ispirati dal bel suono del clarinetto di suo figlio Felix.

Internet.

L'amico pericoloso

a cura di Ludovica Costantino

Liguori Editore

SCUOLA SVIZZERA DI ROMA

Lunedì 14 Gennaio 2019 sede in Via Malpighi 14, ore 19.30
Lunedì 21 Gennaio 2019 sede in Via Nomentana 335, ore 14.00

CLICCA PER LEGGERE L'ARTICOLO SU LEFT ONLINE A CURA DI LUDOVICA COSTANTINO 

Se il videogame diventa un gioco mortale

 

DOMENICA CLASSICA 2018-2019 

 

DIRETTORE ARTISTICO LORENZO PORTA DEL LUNGO 

 S A L A UMBERTO

VIA DELLA MERCEDE, 50 

16 DICEMBRE 2018, ORE 11

  

“L’UNGHERIA APERTA ALLE CULTURE DEL MONDO”

L’arte musicale ungherese degli autori nazionali e di altri paesi

 

COMUNICATO STAMPA

RASSEGNA STAMPA

SPAZI.BLOGSPOT


INCONTRO CON I MUSICISTI BIBLIOTECA VILLA LEOPARDI

musiche di 

F. Schubert, B. Bartòk, Z. Kodàly,

F. Farkas, D. Popper, G. Ligeti

 

Clicca ai link seguenti per ascoltare alcune esecuzioni degli artisti!

SCORSO CONCERTO:
J.S. BACH 1685-1750 dalla Suite n.3 in do maggiore per viola Preludio (11 febbraio 2018-Il canto femminile europeo)

PROVE CONCERTO
Danze Ungheresi prove concerto:
Bartok prove concerto 2
Prove concerto 3:
LEZIONE CONCERTO:
Danze Ungheresi
Kodàly

https://bit.ly/2LgEfsU 


ENSEMBLE

ILONA BÀLINT (Szeged, Ungheria) violista

dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia Roma

 

EDINA BAK (Budapest, Ungheria) pianoforte

per il Teatro dell’Opera di Roma

 

ETTORE PAGANO (Roma, Italia) violoncello

Premio del Pubblico 2017 del Campus delle Arti

CONTINUATE A GUARDARE LE STELLE

Omaggio a Stephen Hawking

 

Conferenza concerto a cura dell’Associazione SuonoImmagine Onlus,

presidente Lorenzo Porta Del Lungo.

Sabato 1 Dicembre 2018 ore 11

Biblioteca Vaccheria Nardi (RM)


CLICCA PER VEDERE L'INTERVISTA AL PROF. GIORGIO PARISI

IL LUNGO APPLAUSO FINALE

 

SPAZI.BLOGSPOT

Internet.

L'amico pericoloso

a cura di Ludovica Costantino

Liguori Editore

Sabato 13 Ottobre 2018 ore 11:00

Internet è una grande risorsa, è l'espressione di una libertà senza confini e senza censura che aumenta la possibilità del confronto e della conoscenza.

 

La frase di Massimo Fagioli "non c'è libertà senza identità", ci ha aiutato a comprendere cosa genera fenomeni patologici quali il cyberbullismo, il gioco compulsivo o un'avvilente pornografia online. L'intento di questo volume è analizzare questi fenomeni, fermarli e restituire ai ragazzi la possibilità di utilizzare internet in modo positivo e costruttivo.